Islanda, dove i banchieri della crisi vengono arrestati

Lascia un commento


Come anche in Grecia oggi si dice, anche gli islandesi sostenevano che quel debito fosse “detestabile“, e dunque non esigibile. Per chiarire, un debito detestabile è un debito contratto dallo stato con le banche o altri istituti, che pero` non porta benefici alla popolazione, ma anzi la danneggia. Un debito simile non si può pretendere che venga pagato dallo stesso popolo che ne ha gia` subito le conseguenze in termini d’interessi sul debito pubblico. Dopo il referendum e` stata istituita nel 2010 una Commissione incaricata di stabilire le responsabilità legali della fatale crisi economica, che ha portato già all’arresto di parecchi banchieri e alti dirigenti strettamente collegati alle operazioni arrischiate.

Islanda, dove i banchieri della crisi vengono arrestati.

L’alibi e le gaffe dei doppi poltronisti » Piovono rane – Blog – L’espresso

Lascia un commento


A me, ad esempio, come elettore dell’opposizione al comune di Roma potrebbe scocciare un po’ che uno dei miei rappresentanti in consiglio comunale non ci vada quasi mai perché fa un altro lavoro alla Camera (Rutelli). E come elettore italiano non residente a Milano, potrebbe scocciare anche pagare lo stipendio di un parlamentare che fa fondamentalmente un altro lavoro, appunto a Milano (Tabacci).

E’ un problema molto basico di ecologia della rappresentanza. Se io delego un tizio a rappresentarmi in una istituzione, vorrei che lo facesse con il massimo del suo tempo e del suo impegno. Non è difficile.

E chi disattende questo dovere fa, semplicemente, antipoliticaL’alibi e le gaffe dei doppi poltronisti » Piovono rane – Blog – L’espresso.

La doppia faccia della Lega | Informare per Resistere

Lascia un commento


Il 19 Giugno a Pontida sembrava di ascoltare il principale partito di opposizione. Insulti a Berlusconi, striscioni che richiedevano un nuovo Presidente del Consiglio, attacchi agli inquisiti del PdL, promesse al popolo verde che la Legalità viene prima  di tutto, promesse sui tagli della casta e dei costi della politica. Insomma, tutto ciò che altri partiti e mille movimenti dicono da anni e anni. Messo fuori il piede dal pratone di Pontida sembra che tutto ciò sia stato dimenticato dai leghisti. Nella Manovra non hanno appoggiato gli emendamenti dell’opposizione che richiedevano un taglio della casta e di lasciare stare le pensioni e le fasce sociali più deboli; non hanno votato a favore dell’arresto di Papa, si sono astenuti. Una faccia a Pontida davanti ai propri elettori, coi forconi e le vacche da mungere, gente che fa paura se si incazza, un’altra nel Palazzo.                                La doppia faccia della Lega | Informare per Resistere.

Lavoratore a progetto sfruttato? oggi arriva il risarcimento » Il Punto di Vista

Lascia un commento


“Questa sentenza dimostra che vincere si può”, afferma Stefania Radici, responsabile del Sol (sportello orientamento lavoro) della Cgil di Messina che ha diffuso la notizia attraverso Facebook. “Troppo spesso – afferma la sindacalista siciliana – le imprese abusano delle tipologie contrattuali non standard e a scadenza, come contratti a progetto o contratti occasionali, per alleggerire il costo del lavoro e dotarsi di lavoratori con meno diritti e più remissivi. In realtà con questi contratti si mascherano veri e propri rapporti di lavoro subordinato”.                                                                                  Lavoratore a progetto sfruttato? oggi arriva il risarcimento » Il Punto di Vista.

Senso Unico Alternato

Lascia un commento


Senso Unico Alternato.

Appello ai medici: obiezione di coscienza sul biotestamento «

Lascia un commento


Appello ai medici: obiezione di coscienza sul biotestamento «.               Da molti anni è entrato nel costume medico l’obiezione di coscienza, vale a dire il rifiuto di interventi che contrastano con credenze personali, religiose o meno, sebbene essi siano non solo rappresentativi di una volontà esistente nel Paese, ma anche scientificamente e deontologicamente corretti.

Ora, dentro questo declino della società i italiana, dove i valori sembra siano diventati solo quelli di scambio, la classe medica è messa di fronte alla sfida contraria: quella di esercitare la propria obiezione contro interventi scientificamente assurdi, deontologicamente e umanamente aberranti, contrari alla Costituzione stessa che vengono imposti in nome di una “coscienza” che contraddice se stessa e i principi di umanità, libertà e  dignità che dovrebbero essere il suo fondamento.

La legge sul testamento biologico, nata per affermare la libertà del paziente, in merito al termine della propria vita, finisce invece per negarla totalmente, stabilendo che alimentazione e idratazione artificiale non hanno nulla a che vedere con  la Dichiarazione di trattamento anticipato, non sono terapie e dunque non rientrano nella libertà di non cura garantito dalla Costituzione.

E’ evidente che si tratta di un inganno, di una scappatoia per non introdurre il testamento biologico: ma quale medico in coscienza potrebbe davvero negare che tenere un corpo in vita artificialmente non è un intervento terapeutico? E quale medico potrebbe affermare in piena coscienza che questo espediente, nato da contrattazioni politiche di basso livello, è deontologicamente corretto?

Appello

Quella sul testamento biologico è  una legge che nasce dalla cattiva coscienza, che scarica su pazienti, medici e familiari il dramma di una libertà e di una dignità negata, che si configura come un aggiramento della Costituzione, che crea un ulteriore disuguaglianza tra chi avrà i soldi per permettersi trattamenti umani fuori dai confini e tra chi invece dovrà subire una sorta di tortura di Stato. Infine coinvolge i medici in questo meccanismo assurdo e disumano, chiedendo che essi mettano da parte le conoscenze scientifiche e i loro ideali, per pretendere che si facciano complici di giochi grossolani. E chiedendo anche di scambiare le convinzioni religiose, quando vi siano, con un mercato del potere che ha tutt’altri obiettivi.

Per questo la classe medica italiana nel suo complesso, ma anche individualmente dovrebbe avere la forza e il coraggio di opporre un obiezione di coscienza a questa legge che nasce da una radicale incoscienza e irresponsabilità nei confronti dei cittadini. Questo potrà servire a cambiare le cose quando il testo arriverà in Senato, ma anche e soprattutto  a conservare la propria dignità: questa infatti non solo è strappata al paziente, ma anche a chi accetta, come un apprendista stregone,  di farsi complice di questo furto.

By ilsimplicissimus

 

Lascia un commento


« Patisco d’amor patrio, soffro di sentimentalità per il glorioso nostro passato, mi cruccio dell’abbandono in cui siamo caduti e tenuti… e specialmente cerco di far apparire nobile, grande e bella la nostra Calabria, anche quando è giustamente accusata. » (Francesco Jerace, 1909)

Older Entries Newer Entries