A me, ad esempio, come elettore dell’opposizione al comune di Roma potrebbe scocciare un po’ che uno dei miei rappresentanti in consiglio comunale non ci vada quasi mai perché fa un altro lavoro alla Camera (Rutelli). E come elettore italiano non residente a Milano, potrebbe scocciare anche pagare lo stipendio di un parlamentare che fa fondamentalmente un altro lavoro, appunto a Milano (Tabacci).

E’ un problema molto basico di ecologia della rappresentanza. Se io delego un tizio a rappresentarmi in una istituzione, vorrei che lo facesse con il massimo del suo tempo e del suo impegno. Non è difficile.

E chi disattende questo dovere fa, semplicemente, antipoliticaL’alibi e le gaffe dei doppi poltronisti » Piovono rane – Blog – L’espresso.

Annunci